Zanzare che incubo



27 Marzo 2023

Zanzare che incubo. La primavera e arrivata, le giornate si allungano, i giardini si colorano di fiori e germogli. E con il rialzo delle temperature tornano anche gli insetti, alcuni molto fastidiosi. Nelle nostre zone le zanzare che ormai siamo abituati a conoscere sono due:

I maschi si nutrono di sostanze prettamente zuccherine e non di sangue, le femmine provocando fastidiose e irritanti punture a uomo e animali. perché Il sangue è vitale per la maturazione  delle uova che possono arrivare a sfiorare le 300 unità per volta

Questi due insetti si comportano in maniera differente per quanto riguarda la deposizione delle uova. La zanzara comune predilige acqua limpida a differenza della zanzara tigre ricerca acqua stagnante. La scelta dell’acqua è dovuta al fatto che le larve nate dalle uova devono rimanere immerse nell’acqua per poter diventare delle pupe e successivamente raggiungere lo stadio adulto. Normalmente occorrono circa 15-20 giorni per completare il ciclo di maturazione, che può però subire variazioni a seconda delle temperature del periodo e dell’umidità.

Si possono limitare i focolai con un attento e costante controllo delle aree private oltre che delle aree pubbliche. I luoghi dove è più facile che le zanzare depongano le uova sono piccole raccolte d’acqua, tombini, pozzetti di scolo dell’acqua piovana, bidoni e contenitori in orti e giardini, piccole fontane, sottovasi di fiori su terrazzi e balconi, pneumatici o sacchetti di plastica abbandonati e altri oggetti che raccolgano acqua piovana. L’80% del territorio interessato dall’infestazione è di proprietà privata.

Buone pratiche

  • Svuotare sul terreno e non nei tombini, ogni 5/6 giorni, l’acqua contenuta in sottovasi,  annaffiatoi, piccoli abbeveratoi, ciotole per l’acqua del cane ecc
  • Trattare con un prodotto antilarvale tombini, caditoie, griglie situati all’interno delle proprietà private. Coprire con zanzariere a maglia fine o teli di plastica, avendo cura di non lasciare fessure o creare avvallamenti dove possano formarsi ristagni, contenitori d’acqua inamovibili, come vasche, bidoni, fusti per l’irrigazione; se possibile, svuotarli completamente sul terreno almeno una volta la settimana.
  • Eliminare contenitori inutili e non abbandonare bottiglie, lattine o buste di plastica che potrebbero riempirsi d’acqua.
  • I pesci si cibano delle larve della zanzara bloccandone la riproduzione. È opportuno introdurre alcuni pesci ornamentali nelle fontane e nelle vasche dei giardini.

 

PER PREVENTIVI E SOPRALLUOGHI CONTATTACI

Post Corelati

    Nessun risultato

    La pagina richiesta non è stata trovata. Affina la tua ricerca, o utilizza la barra di navigazione qui sopra per trovare il post.

Share This
Avvia la Chat
💬Hai bisogno di info?
Ciao!👋🏼
Come posso aitarti?